PumaCredit SuisseSwiss LifeVolkswagenSwissCarl BuchererSRG SSR

Convocazioni definitive della Svizzera per il Mondiale: Vladimir Petkovic punta sulla continuità

  • 04.06.2018

È stata diramata la rosa di 23 giocatori per i Mondiali FIFA 2018 in Russia. Il commissario tecnico Vladimir Petkovic ha nominato per la fase finale del torneo dal 14 giugno al 15 luglio 2018 la rosa che in molti si aspettavano.

Dei 26 giocatori, che dal 27 maggio 2018 hanno disputato la fase di preparazione ai Mondiali, il portiere Gregor Kobel, il difensore Silvan Widmer e Edimilson Fernandes non proseguiranno il percorso verso la Coppa del Mondo.

Ecco i convocati di Vladimir Petkovic

Sono solo sei le differenze dalla rosa che era stata scelta per disputare EURO 2016: Al posto di Steve von Bergen (ritiro), Fabian Frei, Marwin Hitz (rinuncio volontario), Admir Mehmedi (infortunato), Eren Derdiyok e Shani Tarashaj, sono i seguenti giocatori a figurare nella rosa del Mondiale 2018: Manuel Akanji, Josip Drmic, Remo Freuler, Mario Gavranovic, Yvon Mvogo e Steven Zuber.

In questo modo l’allenatore della Nazionale Vladimir Petkovic sottolinea la propria filosofia, già dichiarata in varie occasioni: “Abbiamo un buon mix nella squadra. Con delle prospettive anche a lungo termine, dato che ben tre quarti della rosa attuale potranno giocare insieme ancora per sei a dieci anni.” Il tecnico prosegue dicendo: “Forse al momento non sono stati nominati i 23 giocatori migliori a livello individuale, ma sicuramente il gruppo, che si completa nel miglior modo possibile, non solo sul campo, ma anche al di fuori. Questo è anche molto importante, dato che vogliamo passare qualche settimana insieme.”

Cosa significa concretamente per l’obiettivo di questo Mondiale? Anche in questo frangente Petkovic rimane fedele alla sua linea: “Vogliamo affrontare partita dopo partita, avversario dopo avversario, sempre preparati al meglio e dando il massimo sul campo. Poi sarà la matematica a dire fino a dove possiamo arrivare in uno dei gironi più difficili del Mondiale.”

(GI / Foto: Keystone)

indietro