L’ASF lancia il progetto “Esperienza prima del risultato – fair play a bordo campo”

  • 30.08.2017

L’Associazione Svizzera di Football lancia la campagna “Esperienza prima del risultato”. L’obiettivo è non solo il fair play sul terreno di gioco, ma soprattutto a bordo campo.

Quando si gioca a calcio, gli spettatori a bordo campo sono spesso più agitati dei bambini sul campo stesso. In alcuni casi però non ci si limita a frasi di incoraggiamento, iniziando una vera e propria battaglia di parole ed insulti all’indirizzo di altri spettatori, allenatori, arbitri, calciatrici o calciatori. “Una delle conseguenze è che i genitori fanno passare ai bambini la voglia di giocare a calcio”, afferma Dominik Müller. Il responsabile del settore Calcio dei bambini presso l’ASF aggiunge: “I bambini dovrebbero essere in grado di vivere e sviluppare il loro sport nella maniera a loro più adatta senza sentirsi sotto pressione".

Ecco perché l’ASF lancia la campagna “Esperienza prima del risultato – fair play a bordo campo”, impegnandosi per una maggiore serenità a lato del terreno di gioco. I messaggi chiave relativi a questo progetto sono disponibili sotto forma di videoclip esplicativi, cartoline con messaggi di bambini ad allenatori, genitori, spettatori, responsabili delle società così come a compagni di gioco o avversari.

Una newsletter a ciascuna società
L’ASF fornisce alle società, alle quali vengono presentate le azioni della campagna mediante una newsletter, dei piloni per la marcatura della zona spettatori. Oltre a questi, le società potranno ordinare sul sito ufficiale dell’ASF www.football.ch/esperienza diversi banner, volantini e manifesti. Oltre ai videoclip esplicativi, si possono trovare su Facebook anche diverse dichiarazioni di calciatori e calciatrici della nazionale, che sostengono questa campagna come ambasciatori.

(ASF)

Esperienza prima del risultato

indietro